Stampa

Formazione gratuita per le aziende - Sportello FSE

DGR nr. 687 del 16 maggio 2017 - L’impresa Inn-Formata
Fondo sociale europeo in sinergia con il fondo europeo di sviluppo regionale POR 2014-2020

Il concetto di innovazione non può essere circoscritto alla dimensione tecnologica, ma deve essere concettualmente allargato alle tematiche organizzative, gestionali, di razionalizzazione dei processi, nonché al tema dello sviluppo sostenibile.
La Regione del Veneto intende offrire, tramite l’utilizzo del Fondo Sociale Europeo, ulteriori strumenti per rendere le risorse umane protagoniste del processo di innovazione, creare ambienti aziendali favorevoli al cambiamento e allo sviluppo della conoscenza, accompagnando processi di cambiamento, favorendo competitività e lavoro.
La riqualificazione delle competenze ha come primo scopo quello di favorire il lavoro e di prevenire situazioni di difficoltà aziendale aumentando la qualificazione del personale, l’innovazione e quindi la competitività delle imprese.

Ambiti tematici:
Lean Production, Decluttering, Marketing e Comunicazione, Soft Skills,

Lean Production
Con il termine lean production, viene identificata la filosofia industriale (ispirata dal Toyota Production System) che ha l’obiettivo di massimizzare l’efficienza della produzione da un lato e minimizzare dall’altro gli sprechi dei processi, fino ad annullarli, ottenendo un prodotto migliore.
Nello scenario odierno però il concetto di “lean” non può prescindere dall’altrettanto strategico tema della gestione orientata alla responsabilità sociale d’impresa. La responsabilità sociale d’impresa ribadisce la necessità da parte dell’organizzazione di monitorare e migliorare le proprie performance non solo economiche, ma anche sociali e ambientali (tre pilastri dello sviluppo sostenibile).
Oggi “lean” non significa quindi solo ottimizzare i processi e vendere al prezzo più basso possibile, ad ogni costo (sociale ed ambientale), ma viceversa, trovare l’equilibrio tra riduzione degli sprechi, qualità e risposta alle esigenze degli stakeholders, in termini di benessere e valori intangibili.
L’efficienza genera sostenibilità, la sostenibilità genera efficienza: per ogni azienda si prospetta la sfida di trovare il proprio punto di equilibrio.

Decluttering
Eliminare il superfluo e l’inutile per favorire l’essenziale è un’opportunità invece per analizzare la propria realtà aziendale, per individuare con il contributo di esperti esterni, cosa “tenere e cosa lasciare” in base agli obiettivi strategici che si intendono perseguire, riscoprendo i propri valori aziendali e valorizzando le persone.
Non si tratta solamente di un’operazione di riordino materiale, ma un’occasione per rivedere il proprio pensiero, da diverse prospettive, per valorizzare la propria storia e riscoprire la propria identità alla luce di un mondo che sta cambiando, identificare gli elementi di forza e quelli di maggiore criticità, coinvolgere le persone che collaborano con l’azienda per migliorare l’ambiente di lavoro con il risultato di aumentare il senso di responsabilità e di condivisione degli obiettivi per un maggior orientamento ai risultati.

Marketing e comunicazione
Si propone di stimolare e sostenere interventi diretti allo sviluppo di strategie di marketing e di comunicazione che migliorino il posizionamento aziendale sul mercato sia di prossimità, mediante l’integrazione virtuosa con il territorio e con le altre imprese, che virtuale, tramite l’utilizzo di metodologie innovative quali lo storytelling e le tecnologie per l’e-commerce.
Pianificare, gestire e misurare strategie di marketing individuando le tecnologie più idonee e anche nuove forme di comunicazione (anche in collaborazione con artisti creativi, storytelling multimediale e digitale)
migliorare le conoscenze e le abilità in merito all’individuazione ed alla implementazione di progettualità in grado di accrescere l’accesso diretto dell’impresa agricola a quote maggiori di mercato, anche estero e/o entrare in nuovi mercati
migliorare la gestione della relazione con il cliente e con gli stakeholders in generale
promuovere il “made in Veneto” in collegamento con altri prodotti del territorio

Soft Skills
La finalità di questa tipologia progettuale è l’apprendimento di tecniche che migliorino la capacità di operare con efficacia all’interno dell’ambiente lavorativo: acquisire e/o potenziare skills di efficacia personale per facilitare abilità personali e, contestualmente, per migliorare l’integrazione delle risorse umane e sviluppare il potenziale delle aziende.
L’ obiettivo progettuale dovrà essere quello di sostenere l’acquisizione di competenze trasversali in modo che le imprese possano sviluppare nuovi modelli di organizzazione del lavoro, in coerenza con quanto recentemente sostenuto dalla Commissione europea (Documento New Skills Agenda) e dal World Economic Forum (Rapporto “Il futuro del lavoro”) che hanno individuato nell’adattamento delle soft
( e digital skills) una delle finalità prioritarie dei sistemi economico-sociali europei ed italiano in particolare.

Attività
- percorsi di formazione interaziendale, dall’analisi dei fabbisogni allo sviluppo di competenze innovative, con particolare riferimento all’ ambito del settore agricolo e della filiera agroalimentare;
- interventi formativi outdoor caratterizzati da metodologie altamente esperienziali accompagnati dalla fase di contestualizzazione rispetto alla realtà professionale;
- il sostegno a piani aziendali che colleghino le competenze innovative del capitale umano con le attività aziendali e permettano l’implementazione di nuovi modelli di organizzazione del lavoro e dei processi (interventi di consulenza personalizzata in azienda);
- l’agevolazione della relazione fra le imprese allo scopo di condividere lo scambio virtuoso di conoscenze e di esperienze (visite aziendali e/o incontri tra i partecipanti al progetto);
- attività di ricerca con l’Università.

Destinatari:
La Direttiva regionale ha lo scopo di offrire opportunità di formazione continua del capitale umano che considera strategico per accrescere la competitività e l’innovazione delle imprese venete, investendo sull’acquisizione di competenze e strumenti in grado di rafforzare la loro presenza e solidità sui mercati nazionali e internazionali.
Il Progetto è rivolto a lavoratori occupati presso imprese private operanti in unità localizzate sul territorio regionale, titolari e coadiuvanti d’impresa.
La direttiva regionale premia i progetti interaziendali, che coinvolgono cioè più aziende partner, che condividono l’attività formativa di gruppo; riconosce inoltre le aziende che si sono impegnate in percorsi di responsabilità sociale e che rispondono ai requisiti minimi previsti dal set di indicatori predisposto dalla Regione del Veneto (www.csrinrete.it): Erapra assiste le imprese nel percorso di autovalutazione del proprio profilo di responsabilità sociale e nella compilazione del questionario.

Per informazioni è possibile contattare la referente Erapra Marisa Cacciavillan (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 0444288633), entro martedì 10 ottobre, disponibile per un incontro aperto a tutte le aziende interessate presso la sede di Erapra a Mestre.

FSE innformata687

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets

Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso cookies.

Io accetto i cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information